Mangaboo

Mangaboo

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mangaboo_MARTINA-1.jpg

Mangaboo “Martina” (feat. Rayna)

Dopo il brano “Sienteme” uscito a gennaio in collaborazione con Enzo Avitabile ecco che tornano i Mangaboo con un nuovo singolo pronto per l’estate: “Martina”. Questa volta le atmosfere sono calde, soleggiate, piene di quella luce che ci è tanto mancata durante questi mesi confusi e sedentari. È una canzone dedicata al risveglio, al momento in cui si abbandona la sera e si torna alla luce del giorno.

“Scrivendo Martina ci siamo immaginati il risveglio della savana e lo abbiamo messo su un beat che rimandasse alla ciclicità del sole durante le lunghe giornate australi. Una volta impostata la struttura e le scansioni abbiamo arricchito il pezzo di sonorità africane campionando suoni e voci di questo straordinario continente”.

Si tratta di un brano nato dalla collaborazione con la cantante Rayna, il cui cantato a scansione hip-hop si sposa alla perfezione con la voce suadente di Giulietta. Le voci di Rayna sono state registrate al Boomker Studio di Firenze.

“Martina” segna la seconda tappa di avvicinamento all’uscita del disco dei Mangaboo per Lunetta11 Label. Anche in questo caso la grafica è curata dallo street artist BR1. Dopo l’immagine della fanciulla-unicorno che ha accompagnato visivamente “Sienteme”, BR1 ha disegnato per i Mangaboo la ragazza dal copricapo di cranio animale. Il sottile e metamorfico confine che separa l’uomo dal mondo animale è la linea tematica che i Mangaboo hanno scelto per questo 2020 e che BR1 non poteva interpretare in modo migliore. 

Il singolo è accompagnato da un remix firmato da Antenna!, il nuovo progetto house creato dal producer Andrea Bertolini. 

Video realizzato da Patrick Lebowski, nome d’arte. Nato e cresciuto nella periferia di Torino, amante del cinema horror anni ’80 e ’90. Videomaker con alle spalle un maestro, Alex Caroppi.


Mangaboo “Sienteme” (feat. Enzo Avitabile)

A poco più di due anni dal debutto i Mangaboo escono con un nuovo singolo, anticipazione del secondo album dal titolo “Autoradio” che vedrà la luce nel maggio 2020. Giulietta e Pisti consolidano così un sodalizio nato a Torino, la città che negli anni li ha visti protagonisti di progetti musicali assai diversi fra loro ma dal forte denominatore comune: la musica elettronica. Si sta parlando di progetti come Krakatoa e Motel Connection per Francesco Pistoi aka Pisti e di The Sweet Life Society per Giulietta Passera.

Il nuovo singolo “Sienteme”, gode della collaborazione di un musicista d’eccezione, Enzo Avitabile, sassofonista, polistrumentista e cantautore napoletano che dagli anni Settanta scalda i palchi di tutto il mondo. La collaborazione con i Mangaboo è nata all’interno del Torino Jazz Festival di qualche anno fa, quando Pisti insieme all’amico e produttore Hugo diedero vita ad una fitta libreria musicale campionando i grandi jazzisti che dai palchi del festival passavano alla loro sala di registrazione. Un luogo che in breve tempo divenne punto d’incontro imprescindibile per tutti i musicisti durante i momenti off del festival.

Il video di “Sienteme” è dedicato all’apocalisse del quotidiano, al vizio tecnologico che in pochi anni ha trasformato le nostre abitudini. Ogni giorno nuove immagini si sovrappongono in superdose alle immagini di ieri. Il nuovo nasce già vecchio e la memoria è una compressione nei nostri cellulari. Intanto l’intimità si sovrappone al puro intrattenimento.

CREDITS:
Production: Karen film
Direction and photography: Alberto Colombo
Executive producer: Tommaso Pellicci
Producer and production manager: Stefano Ottorino
Editing: Luca Garavoglia
Costumes: Ughy, Alex Ruiz Albert
Cast: Ughy, Alex Ruiz Albert, Marco Celle, Rogerio Adriano Dally
Casting director: Martina Mozzillo
Production assistants: Marco Leoniddi, Stefano Bonetto
Camera assistant: Antonello Beghetto

Il testo di “Sienteme”, registrato in quell’occasione e scritto da Enzo Avitabile, è caratterizzato da una metrica rap in dialetto napoletano alternato da un più melodico ritornello in griko, idioma di eredità ellenica tuttora in uso nel sud Italia. Oggi “l’Africa si avvicina all’Europa” mentre “l’Oriente si sveglia e l’Occidente si riposa” ma “la musica vera non tiene colori, da secoli e secoli quando era un rumore”. Attualità e antichità si accompagnano non solo nella forma ma anche nel contenuto del pezzo: si tratta di un testo civile che più che mai si rivolge al mondo contemporaneo e a tutti i popoli da sempre in continuo movimento. Il tutto sottolineato da un arrangiamento elettronico tribale che lascia poco scampo all’idea di stare fermi e buoni.

Il brano uscirà in digitale e in vinile accompagnato da tre remix firmati da East 00155, Fabrizio Maurizi e ulderico tarasconi. La grafica della copertina è a cura dello street artist BR1.

Techno, Jazz, House music, Soul, sono solo alcuni dei generi che confluiscono in questo progetto dando vita ad un sound dall’eleganza vulcanica.

Il nome Mangaboo si ispira ad un luogo immaginario tratto da un celebre romanzo fantastico, Il Mago di Oz. È una città utopica che si trova al centro della Terra illuminata da un sole immobile e dalla luminosità psichedelica, attorno a cui splendono altre cinque stelle di colori differenti. Non esiste notte e il tempo è incalcolabile.“Il nostro primo disco mostra innanzitutto la comune intesa nel considerare la Musica una ricerca del piacere, come in un affollato Club il suono deve essere tanto marginale quanto degno di interesse. Questa dimensione ci ha reso liberi di esprimerci, con tutte le ingenuità con cui si affronta un nuovo spostamento.”raccontano Pisti e Giulietta. “L’album è infatti un nomadismo continuo in una grande libreria di dischi, dove ad ogni scaffale ci siamo fermati ad ascoltare i suoni che più ci impressionavano. Costruendoci così una nuova “entità”, ci siamo fatti inondare dagli altri come a un chiaro di Luna sui campi.

LIVE

CONTATTI:

info@mangaboo.it

booking@mangaboo.it

press@mangaboo.it

music@mangaboo.it

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI LUNETTA11